Sign in / Join

Zidane alla Juve: scambio di panchina con Allegri

Le dimissioni di Zinedine Zidanedal Real Madrid aprono scenari inimmaginabili. Un vero e proprio terremoto calcistico che può avere ripercussioni importanti in tutta Europa, o più semplicemente solo a Torino. Sì, perché in lista per sostituire il tecnico francese c'è proprio Max Allegri. L'allenatore della Juve è molto stimato da Florentino Perez, come Zidane potrebbe essere alla ricerca di nuovi stimoli, e potrebbe quindi essere l'uomo perfetto per iniziare un nuovo corso.

Agnelli e Marotta non lo vorrebbero far partire, ma l'idea di uno scambio clamoroso li stuzzica. Ossia quello di portare Zidane, simbolo bianconero del passato, sulla panchina dello Stadium. Attestati di stima ce ne sono stati molti in passato ed entrambe le parti hanno sempre detto di volersi ritrovare un giorno. Ecco, quel giorno potrebbe essere finalmente arrivato. Uno scambio che anche tutto l'ambiente bianconero accoglierebbe con gioia ed entusiasmo.

Allegri, dal canto suo, a fine stagione ha confessato agli amici più cari la sua voglia di lasciare di Torino per cercare una nuova avventura. Allarme che sembrava rientrato dopo l'incontro con Paratici e Marotta, vista anche la mancanza di alternative. Ma ora c'è un'alternativa di lusso: il Real Madrid e tutto può cambiare.

LE ALTERNATIVE AD ALLEGRI

Allegri deve liberarsi dalla Juve, mentre Conte sarà liberato a breve dal Chelsea. Logico quindi mettere l'ex ct della Nazionale tra i papabili per la panchina del Real Madrid con l'unica nota stonata del suo curriculum in Champions. Cosa che Florentino Perez è solito a guardare...
Poi c'è anche Sarri che però è vicinissimo ai Blues, mentre un'alternativa di lusso è quel Jurgen Kloppappena battuto a Kiev. Sempre dalla Premier potrebbe arrivare Pochettino che ha rinnovato con il Tottenham, ma dovrebbe avere una clausola proReal. Attenzione pure a Wenger libero dall'Arsenal. Poi ci sono le soluzioni interne che portano a Guti (ipotesi molto caldeggiata in Spagna) e Solari.
Uscire da questo lotto di nomi sembra molto difficile, a meno di un altro colpo a sorpresa di Perez.