Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Visita del presidente Fico nella baraccopoli degli immigrati

di Arnaldo Capezzuto

Mentre il leader della Lega, Matteo Salvini, gioca a fare il ducetto con i 'collaborazionisti' del fascio pentastellato, il presidente della Camera, Roberto Fico, va in visita a San Ferdinando nella piana di Gioia Tauro in Calabria, dove la settimana scorsa, il 2 giugno,  è stato trucidato Soumayla Sacko, bracciante e sindacalista dell'Usb.

La terza carica dello Stato accompagnato dal prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari, dal questore Raffaele Grassi e da Aboubakar Soumahoro, l'esponente nazionale dell'Usb, è in visita presso la baraccopoli.

"Sono qui perché questo è un luogo difficile dove c'è stato un omicidio brutale. Sono qui per portare le condoglianze dello Stato alla famiglia ed agli amici di Soumayla Sacko e per capire quando il corpo potrà essere restituito alla famiglia" e sottolinea Fico "Voglio ricordare che ha una bambina di cinque anni alla quale rivolgo il mio pensiero".

E' visibilmente emozionato Fico, mostra un volto umano e non cinico e spietato come esponenti importanti della sua stessa parte politica e soprattutto dell'ingombrante alleato leghista.

E prima di incontrare gli amici, i compagni di Sacko, il presidente Fico, si è soffermato su ciò che c'è da fare a San Ferdinando: "Vedremo successivamente come affrontare insieme alla Prefettura i temi legati all'accoglienza e i problemi di questo campo e come costruire un'accoglienza diffusa sul territorio".

E Aboubakar Soumahoro dell'Usb. l'artefice della visita del presidente della Camera in un post ha scritto:  "Ringraziamo il presidente per la visita sia alla baraccopoli che alla tendopoli di San Ferdinando, in un momento storico come quello attuale in cui imprenditori della paura fomentano odio, egoismo e razzismo sociale".

"Avanti con la lotta sindacale nel risolvere i problemi dello sfruttamento e della ghettizzazione: vogliamo risposte contro il degrado sociale, abitativo e lavorativo! Basta ghetti, basta sfruttamento, basta caporalato" - ha concluso Soumahoro - dando appuntamento alla grande manifestazione di Reggio Calabria il 23 giugno per Soumaila Sacko.