Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Vertice Parigi, Alfano: "Si è affermata la linea italiana"

"I quattro maggiori Paesi europei non bastano certo a risolvere tutte le complesse e strutturali questioni migratorie. Quella definita a Parigi potra' diventare la strategia di tutta l'Europa, a patto che non si impantani nelle pastoie burocratiche di Bruxelles". Lo afferma al Corriere della Sera, il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, che sottolinea: "A Parigi si e' affermata l'agenda italiana". "Cio' che ho cercato di indicare in questi mesi - spiega Alfano - e' che solo coinvolgendo Francia, Germania e Spagna e' possibile fornire risposte immediate al problema migratorio dell'Unione, affrontando la gestione dei flussi prima che i migranti arrivino in Italia e cioe' lungo le rotte dei Paesi di transito. Il vertice di Parigi - aggiunge - dimostra che la diplomazia italiana ha fatto bene a insistere in questi mesi in un rapporto intenso con Parigi, Berlino e Madrid". Intervistato anche dal Messaggero, Alfano spiega che e' necessario "dialogare con l'Egitto per stabilizzare la Libia". "Pur con tutte le sfumature dei vari interlocutori egiziani - dice -, l'Egitto e' un attore imprescindibile per la soluzione della crisi libica. Ho in programma di incontrare il ministro degli Esteri egiziano a meta' settembre, nel corso di una riunione ristretta proprio sulla Libia che ha convocato Boris Johnson a Londra. In quella occasione ribadiro' l'esigenza di unificare gli sforzi a sostegno delle Nazioni Unite e del loro inviato in Libia, Salame'". Anche con il quotidiano romano Alfano commenta il vertice di Parigi: "A Parigi e' stata confermata, a livello di capi di Stato e di Governo, la validita' di un formato e di una strategia che l'Italia aveva ideato un mese fa con la prima Conferenza alla Farnesina proprio sui Paesi di Transito. Sia a Roma che a Parigi, Italia, Francia, Spagna e Germania hanno concordato sul fatto che i rifugiati devono essere selezionati e assistiti nei Paesi di Transito e da li' ricollocati in tutta Europa; ai migranti irregolari invece deve essere offerta, sempre negli stessi Paesi, assistenza e la possibilita' di essere rimpatriati volontariamente e reinseriti nei loro luoghi di origine"

Potrebbe interessarti


Leggi anche