Vendono la figlia di 4 anni in cambio di qualche dose di cocaina

Una storia terribile, drammatica e con gli stessi investigatori increduli di fronte alle risultanze delle indagini.

Una bimba di appena 4 anni, fatta prostituire, ceduta a pedofili senza scrupoli per qualche dose di cocaina.

Due genitori, il padre di 36 anni e la madre di 26 anni, sono accusati di aver venduto a un pusher 45enne la loro figlia di 4 anni in cambio di cocaina.

Sarebbe accaduto in un condominio di un quartiere di Pisa. L'inchiesta è condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Firenze.

La vicenda è riportata oggi dalle cronache locali di La Nazione e La Repubblica. Ai tre indagati vengono contestati, a vario titolo, i reati di riduzione in schiavitù e atti sessuali con minori. Il pusher è accusato anche della cessione di cocaina finalizzata ad aver possesso della bambina.

Il Tribunale dei minori di Firenze ha tolto alla famiglia la bambina vittima di presunti abusi sessuali, che oggi ha 6 anni, e i suoi tre fratellini, tutti minorenni, affidandoli alla tutela di altrettante strutture.

Secondo l'accusa, in cambio di dosi di droga cedute ai genitori, il 45enne, che abita in un'appartamento dello stabile in cui vive la famiglia, avrebbe ottenuto la bambina di 4 anni "affinché - è scritto nel capo d'imputazione - ne abusasse sessualmente".