Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Vaticano, il Papa nomina sette nuovi santi: c'è anche Paolo VI , monsignor Romero e don Vincenzo Romano

Oltre ottantamila fedeli assisteranno alla nomina di sette nuovi santi da parte di Papa Francesco.  Oltre a Paolo VI e a monsignor Oscar Romero, l'arcivescovo del Salvador ucciso mentre celebrava messa, ci sono anche don Francesco Spinelli, Nazaria Ignazia di Santa Teresa di Gesù, don Vincenzo Romano, suor Maria Caterina Kasper e Nunzio Sulprizio. Questi ultimi tre furono beatificati proprio da Paolo VI.

Al rito saranno presenti delegazioni di molti paesi, tra i quali quelle italiana, guidata dal presidente Sergio Mattarella, e quella salvadoregna, guidata dal presidente di El Salvador, Salvador Sanchez Ceran.

Sul sagrato ci saranno anche i miracolati, tra i quali la piccola bresciana Amanda Maria Paola Tagliaferro, nata il 25 dicembre 2014 al Policlinico di Borgo Roma a Verona, guarita nel grembo materno grazie alla preghiera rivolta a Paolo VI, e Cecilia Flores, la donna che, a un passo dalla morte, è stata miracolosamente salvata dall'intercessione di monsignor Romero.

E' la maglietta con le macchie di sangue dell'attentato di Manila subito nel 1970 la reliquia che verrà portata alla messa di canonizzazione di Paolo VI. Per il vescovo del Salvador assassinato, monsignor Oscar Romero, la reliquia che verrà portata a piazza San Pietro sarà parte di un osso.

Ancora frammenti di osso per gli altri beati che verranno canonizzati, eccetto che per suor Nazaria Ignazia March Mesa la cui reliquia sarà invece una ciocca dei suoi capelli.

C'è anche il campano don Vincenzo Romano, nato nel 1751 a Torre del Greco (Napoli) e qui trascorse tutta la sua vita. Divenne sacerdote, fu educatore di giovani, ebbe cura dei poveri e degli ammalati e si interessò attivamente della realtà sociale del suo tempo, in particolare dei pescatori di corallo e delle loro famiglie.

A seguito dell'eruzione del Vesuvio che distrusse la cittadina nel 1794, don Romano divenne l'anima della rinascita materiale e spirituale di Torre del Greco. Morì il 20 dicembre 1831. Fu beatificato da Paolo VI il 17 novembre 1963.