Un virus mette ko una squadra di baby calciatori

Dovevano disputare una partita di calcio. Erano pronti. Ma a turno hanno cominciato ad avere i crampi allo stomaco. Forse la tensione, forse il pre-partita carico di ansia o più banalmente da un virus.

E la Pasqua per una squadra di baby- calciatori si è trasformata in una permanenza al pronto soccorso a Rimini. I giovani atleti - tutti di età compresa  tra 14 e 15 anni - sono finiti in ospedale.

La squadra di calcio di una polisportiva del torinese, tra il venerdì e il sabato santo hanno accusato sintomi come vomito e diarrea.

Disturbi fisici riconducibili, a quanto appreso, non a un'intossicazione alimentare come temuto in un primo momento ma a un norovirus.

Si tratta di un virus non grave ma che si trasmette abbastanza facilmente, non necessariamente tramite cibi ma anche attraverso l'aria e contatti fisici.

In pronto soccorso sono stati presi in esame 18 ragazzini, mentre altri 5-6 sarebbero stati visitati dalla guardia medica in hotel.

Dopo alcune ore di osservazione sono stati tutti dimessi ieri e ripartiti stamattina. La squadra si trovava in riviera per partecipare al Trofeo Adriatico di Rimini.

di P.P.M.