Sign in / Join

Svolta Cucchi, c'è il primo indagato: è un vertice dell'Arma

Capire fino a che livello i vertici dell'Arma dei Carabinieri fossero a conoscenza del pestaggio subito da Stefano Cucchi dopo l'arresto per droga e il pestaggio subito alla stazione Casilina la notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009. Per fare luce sul caso del geometra 31enne (poi morto il 22 ottobre 2009 all'ospedale Pertini) verrà interrogato la prossima settimana a piazzale Clodio il luogotenente Massimiliano Colombo, comandante della stazione di Tor Sapienza dove venne portato Cucchi. Colombo è indagato per falso ideologico e ha subito una perquisizione nei giorni scorsi: a chiamarlo in causa, anche se non direttamente, è stato Francesco Di Sano, il carabiniere scelto della caserma di Tor Sapienza che ebbe in custodia Cucchi e che è stato ascoltato in aula il 17 aprile scorso nel processo a cinque militari dell'Arma (accusati a vario titolo di omicidio preterintenzionale, falso e calunnia). In quell' occasione il militare, ora indagato anche lui per falso, ammise di aver dovuto ritoccare il verbale sullo stato di salute di Cucchi senza precisare da chi gli fu chiesta la modifica. "Certo il nostro primo rapporto è con il comandante della stazione, ma posso dire che si è trattato di un ordine gerarchico" ha detto in aula Di Sano.