Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Stupro a Sorrento: "Fratè mi so fatt na nonnina" Ecco tutta la chat della vergogna

Dopo aver drogato e violentato la turista inglese 50enne, i 5 dipendenti dell'hotel di Sorrento arrestati due giorni condividevano video e foto dello stupro in un'apposita chat di gruppo denominata "cattive abitudini". Nella quale il branco rideva e scherzava sull'accaduto, raccontando che "ci siamo fatti una nonnina... 40/50 anni... m'agg fatt nu tavolone cu na milf".

Le chat sono state ritrovate sugli smartphone sequestrati a tre dei 5 dipendenti, i 33enni Francesco D'Antonio, Gennaro Davide Gargiulo e Raffaele Regio (gli iPhone degli altri due arrestati, invece, secondo il perito della Procura sono stati resettati da remoto dopo il sequestro da parte della polizia, cancellando tutti i dati). Su whatsapp, riporta il Fatto Quotidiano citando l'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Emma Aufieri, i componenti del branco facevano circolare "due foto di una donna seminuda trattenuta da braccia maschili": in questa immagine la donna non è riconoscibile, ma in un'altra sì, e ha il "volto atterrito" per ciò a cui il branco la sta costringendo.

In una chat, riferisce ancora il quotidiano, Gargiulo scrive "Gobby" (persona non ancora identificata): "Ieri mi sono fatto un tavolo con i ragazzi della cucina con una Milf canadese... Imm sclerat... Fantasticoooo". Anche a un altro amico, chiamato "Il calabrese", Gargiulo riferisce che "Agg fatt nu tavolone (termine napoletano che indica sesso con una donna stesa supina, ndr) cu na milf", e lo stesso fa con altri due amici, "Luigi" e "Ala": "Fratè mi so fatto una milf ultimamente, sempre a tavolone... ci siamo fatti una nonnina... 40/50 anni... quello che ho visto ieri non l’avevo mai visto in vita mia".