Sign in / Join

Stupro a Rimini, Butungu racconta la verità: "Vi dico cosa è successo"

Continua a negare di aver partecipato agli stupri e scarica la colpa sui tre amici minorenni, cambiando versione rispetto alle prime dichiarazioni rese ai magistrati. Sentito questa mattina a Rimini dal gip Vinicio Cantarini per la convalida dell'arresto, Guerlin Butungu, il 20enne congolese accusato di due stupri in concorso con tre giovanissimi amici, commessi nella notte tra il 25 e il 26 agosto scorsi, avrebbe detto di non aver abusato della giovane turista polacca e di aver 'solo' tenuto fermo il suo compagno, mentre gli altri del branco abusavano sessualmente della donna. Inizialmente, aveva negato gli stupri dicendo che assieme agli amici aveva trascorso la serata nei locali della riviera romagnola e che avevano bevuto qualche bicchiere di troppo. Poi, Butungu aveva detto di essersi addormentato su un lettino in spiaggia. Quando e' stato svegliato dagli amici, sempre secondo la sua prima versione, sarebbero andati in stazione per prendere il treno e tornare a casa, a Pesaro. Tuttavia, a escludere che sia andata cosi', ci sono le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti in zona che hanno ripreso il branco mentre si spostava dalla spiaggia di Miramare, dove e' stata commessa la prima violenza, alla Statale Adriatica, dove i quattro giovani hanno abusato di una prostituta transessuale peruviana.