Sign in / Join

Strage in discoteca, venduti biglietti in più rispetto alla capienza

Sono stati venduti biglietti in numero maggiore rispetto alla capienza della discoteca. Questa sembra una delle prime certezze del'inchiesta che dovrà far luce sulla strage avvenuta a Corinaldo dove sono morte 6 persone nella calca e centinaia di feriti.

Sembra ormai un dato investigativo acquisito la circostanza che dentro la discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, in provincia di Ancona,  nella notte tra venerdì e sabato ci fossero più persone di quelle che il locale era autorizzato.

La capienza massima del locale, infatti, è di circa 871 persone, ma i presenti parlano di una folla ben più numerosa accorsa per il concerto del trapper Sfera Ebbasta almeno di 1200 persone.

Una follia. La procura di Ancona ha aperto un'inchiesta: a condurla il procuratore capo Monica Garulli e quello per i minorenni, Giovanna Lebboroni, a coordinarla il procuratore generale Sergio Sottani.

Si procede per omicidio colposo plurimo. I titolari della Lanterna Azzurra sono stati già sentiti. Mentre il video di una ragazza, che ha ripreso con il telefonino i momenti della tragedia, è stato acquisito dagli inquirenti, insieme ad altre decine di filmati.

Anche il premier Giuseppe Conte, arrivato ad Ancona per un vertice in prefettura, conferma: "Risultano venduti 1.400 biglietti. Ma pure che era aperta una sola sala sulle tre della discoteca, con una capienza di 469 persone. Con i numeri quindi non ci siamo".

All'origine del panico, sembrerebbe esserci stato l'utilizzo da parte di qualcuno di uno spray urticante. Questa è la pista più probabile su cui si stanno muovendo gli inquirenti: i sintomi riscontrati e raccontati da coloro che si trovavano nella discoteca, infatti, corrispondo a quelli provocati da sostanze come lo spray al peperoncino.

di Pier Paolo Milanese