Sign in / Join

Scuola, la rivoluzione a settembre: Multe da 5 e 10 euro ai Genitori ritardatari

Scuola, la rivoluzione a settembre: Multe da 5 e 10 euro ai Genitori ritardatari

A pochi capita di dimenticarsi di andare a prendere il proprio figlio a scuola, ma succede. Molti genitori invece non rispettano l’orario della campanella e arrivano in ritardo, creando problemi all’organizzazione e dimostrando poco rispetto nei confronti del personale scolastico.

Ecco allora che scatta la multa.

L’idea è stata partorita dall’Amministrazione Comunale di Vaprio d’Adda, provincia di Milano. Multa di 10 euro per chi arriva in ritardo ma entro un’ora; oltre, 20 euro.

 

Il Comune di Vaprio d’Adda da anni organizza un servizio a pagamento di post scuola, dalle 16 alle 18. Alcuni genitori però approfittavano di questo servizio parcheggiando là i figli e prendendosela comoda. Così il sindaco, Andrea Benvenuto Beretta, ha deciso di intervenire e spiega: “Dalle 16 alle 18 organizziamo il servizio post scuola. Chi aderisce paga una quota ed usufruisce di questa opportunità per cinque giorni. Gli altri dovrebbero venire a prendere i figli alle 16 puntuali. Normalmente si tollera un ritardo di quindici minuti al massimo. Noi non possiamo certo abbandonare un minore perciò, nonostante i genitori non abbiano pagato, li affidiamo al post scuola”.

L’idea della multa, infatti, è venuta fuori per punire i furbetti e i recidivi, dopo che a ben poco erano serviti i richiami dei docenti.

Dopo il terzo ritardo, adesso, scatta la sanzione. Un’azione simbolica che certo non andrà a gonfiare le casse del Comune, ma che servirà come deterrente per i ritardatari cronici e come forma di rispetto per il lavoro del personale scolastico. Saranno proprio i collaboratori scolastici a segnalare i ritardatari al Comune.

La stessa idea che un po’ di tempo fa aveva adottato il sindaco Guido Dussin di San Vendemiano, in Veneto. Qui il problema si era presentato al nido comunale: le maestre spesso erano costrette a rimanere a scuola fuori dall’orario di lavoro.

 

Idem a Cadoneghe, dove il parroco che gestisce la scuola materna paritaria Pio X aveva istituito una multa di 5 euro per i genitori ritardatari.

I risultati, fino ad oggi, sono stati eccellenti: a Cadoneghe e a San Vendemiano i genitori ritardatari sono un ricordo. Stiamo a vedere cosa accadrà a Vaprio d’Adda, ma siamo sicuri che dover mettere mano al portafoglio insegnerà l’educazione anche ai peggiori recidivi.