Sign in / Join

Scandalo in tribunale: Avvocatessa concedeva favori sessuali in cambio di sentenza a favore dei suoi assistiti. Arrestato il pubblico ministero

Scandalo in tribunale: Avvocatessa concedeva favori sessuali in cambio di sentenza a favore dei suoi assistiti. Arrestato il pubblico ministero

Terremoto giudiziario nella Procura e nella Asl di Lecce: in manette è finito il pubblico ministero Emilio Arnesano, arresti domiciliari per il direttore generale Ottavio Narracci. In carcere anche Carlo Siciliano, dirigente Asl. Arresti domiciliari per Giorgio Trianni e Giuseppe Rollo, dirigenti Asl, e Benedetta Martina, avvocato. L'accusa è di corruzione in atti giudiziari. I provvedimenti sono stati eseguiti questa mattina dai militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Lecce.

I favori sessuali. L'inchiesta, condotta dalla Procura di Potenza (cui è passata, per competenza, visto il coinvolgimento di un magistrato salentino), è partita da un'indagine a carico del pm Arnesano e di altre persone avviata dalla Procura di Lecce. Al centro dell'inchiesta, un provvedimento di dissequestro disposto dal pm Arnesano, con relativa richiesta di archiviazione del fascicolo a carico di Trianni. Quest'ultimo, poi, avrebbe offerto dei soggiorni con battute di caccia al magistrato leccese. Nel corso degli approfondimenti svolti dalla Procura potentina, poi, sarebbero emersi ulteriori episodi corruttivi a carico di Arnesano. Gli investigatori sostengono che il pm avesse «venduto, in più procedimenti, l'esercizio della sua funzione giudiziaria in cambio di incontri sessuali e di altri favori». Il magistrato avrebbe stretto un «rapporto corruttivo» con l'avvocato Benedetta Martina: «In numerose occasioni il sostituto procuratore pilotava procedimenti in cui gli indagati erano assistiti dall'avvocato Martina ottenendo in cambio prestazioni sessuali dalla medesima».

Il fronte Asl. «Ulteriore e collaudato sistema di vendita delle funzioni giudiziarie». Così la Procura di Potenza definisce il capitolo relativo ai favori ottenuti dai dirigenti Asl. Avrebbe garantito in favore dei dirigenti indagati l'esito positivo dei procedimenti giudiziari che li riguardavano. In cambio, Arnesano avrebbe ottenuto diverse utilità.