Sign in / Join

Sbloccati i finanziamenti per i bimbi e i ragazzi autistici, scongiurata la chiusura del centro

E' rientra per ora la vicenda della chiusura del Centro Unico aziendale per la salute mentale della Asl Napoli 1. Con un atto di coraggio - come svelato e denunciato da Il24.it - la dirigente Luisa Russo ha comunicato la  sospensione delle attività della sede distrettuale in via Morghen, per l'impossibilità di continuare l'erogazione dei servizi. La psichiatra infantile ha puntato il dito sull'inabissamento del progetto sperimentale, denominato Pass (Progetto di adozione scolastica e sociale), rivolto a bambini e ragazzi affetti da disturbo dello spettro autistico, che vede il coinvolgimento di ben 1.600 famiglie.

Un'interrogazione urgente presentata da Vincenzo Viglione, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle a cui hanno aderito anche altri due esponenti pentastellati Maria Muscarà e Valeria Ciarambino e rivolta al presidente della Regione Vincenzo De Luca ha smosso le acque inducendo il dirigente a porre la sua firma e quindi scongiurare la chiusura del centro.

"Alla luce della nostra denuncia e di numerosi appelli rimasti inascoltati, questa mattina il direttore generale della Asl Napoli 1 ha informato la responsabile dello sblocco del finanziamento di due milioni, assegnati tramite bando al Centro Unico aziendale per la salute mentale. Soldi che sarebbero dovuti essere erogati nel luglio del 2017 per il finanziamento del progetto Pass, ma dei quali si era persa ogni traccia".

È l'annuncio del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Viglione che prosegue : "Continueremo a sostenere le attività del Centro, che svolge un ruolo fondamentale nell'accompagnare i percorsi terapeutici di famiglie e comunità al cui interno esistono casi di giovanissimi soggetti autistici".

"Con la stessa responsabile del Centro, ci siamo impegnati in prima persona affinché in tutti i centri regionali specializzati per la cura di patologie psichiatriche connesse all'età evolutiva, le terapie siano adeguate ai criteri su cui si basano i più recenti studi e siano supportate con tutte le risorse necessarie" - conclude il consigliere -.

di Arnaldo Capezzuto