Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Savona, malore per 100 allievi della polizia penitenziaria. L'ira del sindacato Sappe: "Una vergogna"

Almeno 100 allievi della scuola di polizia penitenziaria di Cairo Montenotte (Savona), frequentata da 274 diplomandi, si sono sentiti male ieri notte accusando forti dolori addominali.

In un primo momento si è pensato ad un'intossicazione alimentare ma a quanto si apprende sembra che gli allievi siano stati colpiti da una gastroenterite virale.

"Ci siamo rivolti subito alla Asl di competenza - spiegano fonti della scuola di polizia penitenziaria - gli allievi sono stati visitati e da quanto ci hanno riferito i medici il malore è dovuto a una forma influenzale che ha colpito anche alcuni membri del personale della scuola e non è stato causato da un'intossicazione alimentare -assicurano- ma preferiamo aspettare prima di fare una valutazione definitiva di quanto accaduto'', concludono.

Sulla vicenda è intervenuto il Sappe che fa sapere anche che "una nuova agente è finita in ospedale dopo una infestazione di cimici nella caserma del carcere Giudecca di Venezia" e che "una decina di Baschi Azzurri sono ancora accampati nel penitenziario Bancali di Sassari in attesa di una dignitosa sistemazione nella caserma del Corpo".

"Ci si dovrebbe vergognare per come viene lasciato allo sbando il Personale di Polizia Penitenziaria, in condizioni insalubri, indecenti e vergognose: una situazione vergognosa, che meriterebbe immediati interventi e invece non sembra fregare a nessuno come vengono maltrattati gli agenti di Polizia Penitenziaria", denuncia Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe.

''A Cairo Montenotte, scuola allo sbando senza nemmeno un direttore fisso ed un presidio sanitario fisso in sede, abbiamo 120 allievi agenti colpiti da una grave forma di gastroenterite ed alcuni di loro in ospedale. Ora l'acqua viene distribuita da una autobotte, ma la situazione è molto preoccupante: i ragazzi sono stati precauzionalmente isolati all'interno della scuola perché non abbiano contatti con la popolazione".

Capece denuncia anche la grave situazione che si è verificata nella caserma agenti del carcere di Venezia Giudecca: "Una nostra poliziotta, anch'essa appena giunta in servizio dopo il corso di formazione, è stata vittima di una infestazione di cimici che l'hanno ferita, con copiosa perdita di sangue, e le hanno lasciato bolle e sfoghi sulle braccia. Possibile che, anche in questo caso, nessuno si curi delle condizioni della caserma degli agenti di Polizia penitenziaria? E a Sassari sono ancora una decina i poliziotti neo assegnati accampati in caserma, ancora in attesa di una dignitosa sistemazione".