Ruby bis, la Polanco potrebbe cambiare versione. Il mistero s'infittisce e nel frattempo Berlusconi chiede stop al processo

"Può darsi che la mia versione davanti ai giudici sarà diversa rispetto a quella del processo Ruby bis, ho deciso di dire le cose come stanno, adesso mi sento una donna con dei figli e voglio dire la verità".

Lo ha detto ai cronisti Marysthell Polanco, una delle ospiti delle cosiddette 'cene eleganti' di Arcore, in una pausa dell'udienza del processo Ruby ter, dove è imputata per corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza assieme a Silvio Berlusconi e ad altri 26 imputati.

Ci sarà uno stop alle udienze presso il Tribunale di Milano per consentire la partecipazione alla campagna elettorale per le elezioni europee di Silvio Berlusconi.

Il fatto nuovo però sono i segnali che la Polanco ha dato in ragione della misteriosa morte della sua amica Imane Fadil che a distanza di quasi un mese non si sa ancora come sia morta.

"E' molto strano che ancora non si sia scoperto cosa è stato a farla morire, certo che ti viene l'ansia, mi è dispiaciuto tanto per lei, è una cosa assurda e mi sono fatta tante idee" ha poi detto la Polanco  che nei giorni scorsi è stata interrogata proprio sulla morte di Fadil.

di P.P.M.