Sign in / Join

Risparmiare la metà sulla corrente elettrica: Arriva il Bonus Statale per tutti fino a 10mila euro

Risparmiare la metà sulla corrente elettrica: Arriva il Bonus Statale per tutti fino a 10mila euro

A pesare sui costi della bolletta degli italiani sono anche gli elettrodomestici energivori: frigoriferi, forni, lavatrici e climatizzatori tra i principali poli di consumo domestico. Basterebbe sostituire un singolo elettrodomestico energivoro e non efficiente per tagliare la bolletta del 10-20% l'anno, mentre sostituendo tutto il parco elettrodomestici energivoro e non efficiente, installando LED e strumenti per la gestione intelligente dei consumi (domotica), si possono raggiungere risparmi tra il 20 e il 40% l'anno.

Tolto lo scaldabagno elettrico (apparecchio notoriamente energivoro, ma poco diffuso), ad incidere di più sulla bolletta elettrica delle famiglie sono frigoriferi (31%), forni e lavatrici (15%), climatizzazione estiva-invernale (13%). Per fare un esempio, il consumo di una lavatrice tipo si concentra per circa l’80-90% nella fase di riscaldamento della resistenza e, a parità di programma, una lavatrice in alta classe energetica (A+++) può consumare fino al 100% in meno di una in bassa classe energetica (B o equivalente).

Lo rileva Civico 5.0, il monitoraggio di Legambiente secondo il quale sul bilancio energetico delle 36 famiglie monitorate circa i due terzi (64,2%) vanno per la spesa termica e circa un terzo (41,5%) per l’energia elettrica. Anche la spesa termica può essere ridotta: attraverso interventi sugli impianti (investendo tra i 500 e i 2.000 euro per passare a una caldaia a condensazione, o installare un sistema di telecontrollo multimediale dell’impianto di riscaldamento...) si raggiungono risparmi tra il 20 e il 50% l'anno; con interventi sull’isolamento (e qui si superano i 2.000 euro) come la posa del cappotto termico sulle parti comuni dell’edificio condominiale o la sostituzione degli infissi, si possono raggiungere risparmi tra il 35 e il 70% annuo.

Bonus elettrodomestici 2019: cos'è e come funziona? Che cos'è il bonus elettrodomestici 2019?

Il bonus elettrodomestici è un'agevolazione fiscale prevista per i contribuenti che sostengono spese di ristrutturazione edile fino al 31 dicembre 2019 e a seguito delle quali si è resa necessaria la sostituzione di elettrodomestici ed arredi. La detrazione Irpef spettante per l'acquisto di nuovi elettrodomestici e mobili è pari al 50% della spesa totale fino ad un massimo di 10.000 euro.

Tale detrazione, va poi suddivisa in 10 quote annuali di pari importo, ciascuna delle quali va dichiarata ogni anno sulla dichiarazione dei redditi. Per cui se la detrazione elettrodomestici inizia con la dichiarazione dei redditi 2019 finisce con l'ultima quota dichiarata nel 2028.

Inoltre, è ammessa alla detrazione fiscale anche la spesa acquisto elettrodomestici e arredi, anche se effettuati prima della ristrutturazione, in questo caso però per fruire del beneficio è necessario che la data inizio lavori sia antecedente all'acquisto. Tale data di inizio lavori, deve essere documentata per mezzo della comunicazione ASL obbligatoria, richieste di concessioni e autorizzazioni o abilitazioni alle norme edilizie o qualora non previsti, dalla dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. Nel caso di lavori di ristrutturazioni su più abitazioni, il contribuente ha diritto a fruire della detrazione acquisto elettrodomestici e arredi per tutti gli immobili, in quanto il tetto massimo di 10.000 euro di spesa è per ciascuna unità abitativa oggetto di ristrutturazione edile.