Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Rientra in Italia, la giovane portata in Pakistan con l'inganno

E' un successo della diplomazia italia e in particolare del ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, che personalmente si è attivato con l'ambasciata sulla vicenda della giovane pakistana sradicata dall'Italia dalla famiglia e riportata nel Paese d'origine con un inganno.

Il futuro che desiderava le sarebbe stato strappato dalle mani dalla famiglia che, dopo averla costretta a lasciare la scuola che frequentava in provincia di Monza, con l'inganno l'avrebbe portata in Pakistan, dove l'ha lasciata privandola dei documenti, del permesso di soggiorno e della possibilità di rientrare nel nostro paese.

Lei, 23 anni, ha chiesto aiuto alla sua ex scuola superiore, alla quale ha inviato una lettera: "Vi prego, aiutatemi, voglio tornare in Italia".  All'epoca una professoressa avrebbe cercato di capire perché avesse smesso di studiare non riuscendo però a contattarla.

Poi nel 2017, al termine del suo ultimo viaggio in Pakistan, con la scusa di andare a trovare i parenti, in realtà con l'obiettivo di cercarle un marito, i genitori, ha riferito, l'hanno privata dei documenti necessari per far rientro nel nostro Paese.

Poi la svolta con l'intervento ufficiale dell'Italia attraverso il minsitro degli Esteri.