Regione Campania. De Luca blocca il rimpasto e chiede l’exit strategy a Roma

 

 

Vincenzo De Luca frena sul rimpasto in giunta regionale. Due giorni fa, il governatore della Campania ha smentito le voci su un possibile rimpasto nell’esecutivo regionale. Una mossa che scarta definitivamente l’ipotesi di rivedere la squadra di governo ma allontana a dopo l’assemblea nazionale del Pd la decisione. De Luca vuole attendere Roma: l’evoluzione del dibattito interno al partito. Capire come finirà lo scontro tra renziani e minoranza. Una volta definito l’assetto di vertice dei dem, l’ex sindaco di Salerno potrebbe ritoccare la giunta, preparandola all’appuntamento elettorale del 2020. Ma De Luca potrebbe anche decidere di confermare tutti gli assessori, qualora maturasse la certezza di non essere ricandidato alla guida della Regione. Un modo per capitalizzare (per la sua squadra) gli ultimi anni di governo. De Luca vorrebbe avere la certezza di essere il candidato alla presidenza della Regione nel 2020 prima di cedere sul rimpasto. La trattativa si è arenata su questo punto.  Da un lato, la richiesta di De Luca della ricandidatura. Dall’altro, i dubbi del Nazareno. Il nodo da sciogliere è questo.