Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

missili palmira

Putin-Trump, continua il braccio di ferro. Gli Usa bacchettano la visita in Abkhazia

Il 67% di un campione ritiene che il premier Benyamin Netanyahu dovrebbe autosospendersi se dovesse essere imputato dalle indagini in corso della magistratura. Lo indica un sondaggio pubblicato dal quotidiano 'Jerusalem Post' secondo cui i 2/3 degli interrogati si sono dichiarati a favore di questa ipotesi mentre la restante quota si è espressa negativamente.
Se si analizzano all'interno del campione i sostenitori del Likud (il partito del premier) la divisione è più fragile: 56% contro la sospensione, 53% a favore. Tra gli elettori di sinistra, l'80% è decisamente per l'autosospensione di Netanyahu. Il quotidiano Maariv ha invece pubblicato un sondaggio sull'incidenza delle indagini della magistratura se si dovesse andare al voto oggi: il Likud perderebbe 5 seggi scendendo così a 25 mentre salirebbe il partito centrista di Yair Lapid ('C'è futuro') che passerebbe da 11 a 21 seggi.