Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

"Ho ucciso i miei genitori e sono pentito", la testimonianza di Pietro Maso in tv

"Mi sono già pentito. Mi sono già pentito di quello che ho fatto e cerco di ricostruire una vita". Così Pietro Maso, l'uomo condannato a 30 di carcere per aver massacrato assieme a tre amici i genitori, a Montecchia di Crosara nel 1991, risponde a Maurizio Costanzo in un passo dell'intervista che verrà trasmessa giovedì 5 ottobre su Canale 5, in seconda serata. L'anchorman incalza Maso, sottolineando di non aver mai letto, nei filmati, nel libro sulla storia di Maso, un vero pentimento: "beh...Non l'ha mai letto o non l'ha mai visto perché - risponde Maso - il pentimento per me è una cosa seria e oggi, magari, ho l'opportunità di dirlo". Parlando del periodo precedente il massacro, che l'uomo compì assieme a tre amici, Costanzo chiede a Maso cosa rispose alla madre quando lei gli domandò se le voleva bene: "Risposi di sì... risposi di sì... però non era così".

"Sì...- prosegue Maso nell'intervista a Maurizio Costanzo - Era un momento prima dell'episodio che mi segna per tutta la vita, e io lì avevo alzato tutte le barriere per affrontare il momento. Dunque io in quel momento mi ero staccato completamente dai miei genitori. Lei aveva percepito questo e mi chiese, appunto, questa frase che riascoltandola oggi mi fa male". L'anchorman prosegue sul ricordo dei genitori. 'Quanto ci ha pensato a loro?': "Tutti i giorni". 'Ha pianto per loro?': "Purtroppo, io ho un problema non riesco ad esternare la sofferenza che ho tramite le lacrime ... e ... sto molto male".

"Sono qui senza corazze e senza maschere", dice Maso. L'intervista sta già suscitando aspre polemiche sul web. Maso appare in tv con gli occhi lucidi, alle sue spalle le foto dei genitori uccisi, Antonio e Maria Rosa. Gli utenti della rete si sono scatenati in particolare con post sul profilo Facebook dell'anchorman, in molti contrari all'iniziativa, pochi favorevoli. Tra i contrari, c'è chi bolla come "sciacallaggio" l'intervista a Maso (che ha scontato 22 dei 30 di carcere, ed è tornato libero nel 2013) e propone il boicottaggio del programma, o chiede di vietarne la visione ai minorenni. Altri si mostrano incuriositi, "vediamo cos'ha da dire...".