Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Orrore in Palestina, bimbo di 8 anni respira gas lacrimogeno e perde la vita

Un bambino palestinese di neanche un anno è morto dopo aver respirato gas lacrimogeni durante gli scontri tra manifestanti palestinesi e soldati israeliani, nei pressi della frontiera tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Lo ha annunciato il ministero della Sanità dell'enclave. La neonata, Leila al-Ghandour, aveva meno di otto mesi, secondo il ministero. Non è chiaro a che distanza dalla barriera di sicurezza si trovassero la vittima e la sua famiglia. Decine di migliaia di palestinesi di Gaza hanno protestato ieri alla frontiera contro l'inaugurazione, lo stesso giorno, a Gerusalemme dell'ambasciata degli Stati Uniti in Israele. Le forze dello stato ebraico hanno risposto con pallottole e gas lacrimogeni. Almeno 59 palestinesi sono stati uccisi, in maggior parte dagli spari dei cecchini. Ieri è stato il guiorno con più morti nel conflitto israelo-palestinese dalla guerra dell'estate 2014 nell'enclave palestinese.