Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Offese a Napolitano e Mattarella: nei guai Salvini, Grillo, Sibilia e Di Battista padre

Il Guardasigilli Alfonso Bonafede, come prevede la legge, ha autorizzato le procure a procedere per le offese e le minacce agli organi costituzionali, dalla magistratura al presidente della Repubblica, arrivate da esponenti del governo o comunque della coalizione giallo-verde.

Si va dal vicepremier Matteo Salvini a Beppe Grillo, fino a Vittorio Di Battista, padre di Alessandro, che nei giorni della formazione del governo scriveva post sui social minacciando Sergio Mattarella. Nell'elenco, anche Carlo Sibilia, sottosegretario all'Interno, che aveva paragonato Giorgio Napolitano a un boss. Alcuni fascicoli erano sulla scrivania del Guardasigilli in attesa di autorizzazione dal 2014.

"Ho firmato 9 richieste di autorizzazioni a procedere e per evitare ogni forma di strumentalizzazione, o illazione, - ha scritto Bonafede su Facebook - vi comunico che fra le persone per cui ho firmato, per presunte offese al capo dello Stato, ci sono: il padre fondatore e garante del MoVimento, Beppe Grillo, il mio collega e amico, Carlo Sibilia, il padre del mio amico fraterno Alessandro Di Battista e il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, accusato di vilipendio delle istituzioni costituzionali".

E aggiunge: "Mi chiedo come mai fossero stati lasciati lì a prendere polvere o a dormire in segreteria dopo che era stato negato il consenso".

Il ministro ha deciso di toglierli dai cassetti, come segnale del cambiamento: "Ovviamente non ho fatto alcuna distinzione e ho firmato tutte le richieste, perché tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge, nessuno deve godere di privilegi".

Le parole incriminate di Beppe Grillo riguardano l'ex Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e risalgono al dicembre 2014. Il fondatore dei Cinquestelle stava per incontrare la stampa estera per promuovere la raccolta di firme del Movimento sulla consultazione contro l'euro e sparò a zero sul presidente: "Non dovrebbe dimettersi ma costituirsi: è responsabile di aver firmato qualsiasi cosa".

L'ex capo dello Stato è stato il bersaglio anche di Sibilia, che in un tweet del 2014, quando nel corso dell'inchiesta sulla Trattativa Stato-mafia venne negata l'autorizzazione a Riina e Bagarella di assistere alla testimonianza del capo dello Stato, attaccava: "Perché secondo voi impediscono agli scagnozzi Riina e Bagarella di vedere il boss?".

Nel febbraio 2016, da leader della Lega, invece, Salvini, indignato per l'inchiesta sui fondi dei consiglieri regionali in Liguria (c'erano anche quelli della Lega) tuonava contro la magistratura: "È una schifezza".

Più recente la questione che ha coinvolto Di Battista senior: il 23 maggio, durante la difficile gestazione del nuovo governo, su Facebook consigliava a Mattarella, di andare a rileggersi le vicende della Bastiglia e poi scriveva: "Quando il Popolo di Parigi assaltò e distrusse quel gran palazzone, simbolo della perfidia del potere, rimasero gli enormi cumuli di macerie che, vendute successivamente, arricchirono un mastro di provincia. Ecco, il Quirinale è più di una Bastiglia, ha quadri, arazzi, tappeti e statue".

di Pier Paolo Milanese