Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Nuova scossa di terremoto. Il sismologo Boschi : "A rischio oltre al Molise anche la Campania, Calabria e Sicilia"

di Pier Paolo Milanese

L'allarme l'aveva lanciato  il sismologo Enzo Boschi, professore emerito all'Università di Bologna che ci sarebbero state altre scosse e localizzate al Sud Italia. A pochi giorni di distanza dal sistam di Campobasso, una nuova scossa ha colpito il Molise.

Questa volta il terremoto è stato avvertito anche in altre regioni e perfino in Croazia. Boschi aveva detto con una certa sicurezza scientifica che che la zona adriatica è altamente sismica.

"Appartiene a quelle zone a alta pericolosità, come tutto l'Appenino centrale. Quella parte del Paese è una delle più attive, sotto questo punto di vista, in Italia e in Europa. Ci sono sempre scosse e ci sono sempre state. Anche in periodi apparente calma. Basti ricordare il terremoto dell'Aquila, quello del '97 in Umbria. Poi ci sono fasi di tranquillità, poi ricomincia. Come è successo nell'agosto del 2016 a Amatrice e poi in ottobre con scosse meno forti, di magnitudo 3.5. Le scosse in questo settore appenninico ci saranno sempre".

Parole che gli ultimi eventi confermano drammaticamente. C'è una incessante attività, un'energia che sta venendo fuori. Alle 20 e 15 la terra è nuovamente tremata gettando nel panico la popolazione. Una scossa che ha avuto origine sempre nel mare e poi si è irradiata lungo il territorio. La magnitudo è stata di 5.2 con epicentro la stessa lingua di territorio che corre da Palata a Montecilfone.

Sui social network in tanti parlano di una scossa molto lunga, circa 15 secondi. Nelle zone più vicine al'epicentro i residenti hanno avvertito un boato. I due paesi contano poco più di 1.500 abitanti ciascuno, ma alla vigilia di Ferragosto la popolazione aumenta notevolemente grazie al rientro di molte persone originarie della zona. Molte le seconde case che si rianimano solo in questo periodo e questo non aiuta le verifiche e i censimenti post scossa che sono ripresi all'alba. Affollatissima, poi, la costa adriatica. al culmine della stagione balneare.

Secondo ancora il sismologo Enzo Boschi, in questo momento oltre al centro Italia ad alto rischio sismico c'è anche la Sicilia orientale, parte della Calabria, sicuramente la Campania. Ma dire che fin su alla Liguria qualche rischio c'è.

La scossa di stasera è stata avvertita a Napoli e nell'hinterland. Particolarmente forte si è avvertita la scossa nel nolano. Panico e paura tra la gente che si sono riversati in strada e piazza. La Protezione civile ed i vigili del fuoco hanno ricevuto numerose segnalazioni.