Il mite consigliere regionale Cammarano (M5S) salta sulle barricate e lancio il sacchetto contro il presidente De Luca

di Arnaldo Capezzuto

E il tranquillo e sornione consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano, armato di sacchetta di munnezza, è andato all'attacco del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Il mite Cammarano ha perso la pazienza è saltato sulle barricate e al grido 'jatevenne' si è lanciato in un inedito attacco al Palazzo.

Come le migliaia di cittadini, gruppi e comitati - ieri in corteo per le strade di Napoli - una volta giunti davanti il palazzo della Regione Campania in via Santa Lucia si è esibito nel lancio della sacchetta. Pochi minuti e un cumulo di rifiuti ha fatto bella mostra di se davanti a una gigantografia di De Luca.

Con Cammarano anche altri consiglieri regionali pentastellati - meno facinorosi - che hanno seguito il grande corteo di 'Stop Biocidio'.Un amanifestazione imponente che si è snodata per le strade della città e come un fiume in piena ha raggointo la sede della Regione.

Il concentramento in piazza Mancini poi il lunghissimo corteo si è snodato per corso Umberto, piazza Borsa, piazza Plebiscito e approdo in via Santa Lucia.

Una protesta a difesa della 'nostra terra' dove è stata letta una mozione popolare di sfiducia contro la corruzione politica, la devastazione sociale e ambientale e nel mirino è finito l'ex sindaco di Salerno.

L'iniziativa si è conclusa - appunto - con una montagna di sacchetti da restituire simbolicamente a quella classe politica che la munnezza l'ha seppellita sotto le case, nelle terre, l'accumulata con le ecoballe e l'ha fatta respirare e l'ha iniettata nel corpo dei bambini, delle donne e degli uomini.

Un jatevenne popolare e collettivo contro una classe politica che al di là dello sperpero dei soldi pubblici non è riuscita a costruire una discontinuità.

Esasperazione e proteste che ha spinto a sorpresa un mite e tranquillo consigliere regionale Michele Cammarano a rompere gli indugi e afferrata la sacchetta l'ha lanciata sul cumulo che sommergerà la politica di questi anni difficili in Campania.