Meteo, ecco il paradosso: freddo al Sud e caldo al Nord. l'Italia spaccata in due

- La perturbazione oggi abbandonerà l'Italia e sarà seguita da aria più asciutta. Le correnti fredde che seguono la perturbazione - spiegano i meterologi del centro Expert - causeranno un calo delle temperature in gran parte d'Italia e, in particolare, al Sud dove le massime faranno registrare valori di qualche grado al di sotto della norma. In gran parte del Centro-Nord, invece, il consolidarsi dell'alta pressione garantirà prevalenza di tempo stabile e soleggiato. Nella seconda parte della settimana l'alta pressione proteggerà il Centro-Nord, dove quindi le giornate saranno piene di sole, mentre al Sud insisteranno un po' di nuvole, comunque accompagnate da pochi occasionali precipitazioni. Le temperature invece saliranno praticamente in tutta Italia, portandosi su valori sopra la norma soprattutto al Nord, dove lo zero termico venerdì si porterà a 3mila metri.

Oggi giornata di tempo soleggiato in gran parte d'Italia. Si segnalano ancora annuvolamenti nel Molise, in Sicilia e all'estremo Sud. Qualche breve e isolata precipitazione interesserà principalmente il nord-est della Calabria, a carattere nevoso fino a quote collinari. Venti: da forti a localmente burrascosi di Tramontana sulle regioni meridionali e in Sicilia, con raffiche fino a 80 km/h. Temperature massime in diminuzione di 2-3 gradi quasi ovunque. Mari molto mossi quelli meridionali, fino a molto agitato lo Ionio.

Domani sull'insieme del Paese tempo stabile e in prevalenza soleggiato. Nel corso della giornata si potrà osservare il passaggio di banchi di nuvolosità alta in movimento da nord-est sopra la penisola. Temperature: in sensibile rialzo le massime con valori ben oltre la media stagionale al Centro-nord, nella norma al Sud. All'alba possibili deboli gelate al Centro-Nord. Venti settentrionali in attenuazione, ma ancora tesi all'estremo Sud, specie sullo Ionio.

Venerdì tempo bello e soleggiato al Nord, sulle regioni tirreniche e in Sardegna. Un po' di nuvolosità sparsa nelle altre regioni con isolate piogge o rovesci, in particolare, su Puglia, Basilicata, Calabria e, dal pomeriggio, anche sui settori nord e est della Sicilia. Quota neve intorno a 900-1200 metri sull’Appennino meridionale, leggermente più alta sui rilievi della Sicilia. Possibile presenza di nebbie al primo mattino lungo la fascia centrale della Pianura Padana e sulle coste venete. Nebbie che torneranno poi nel corso della serata. Insistono ancora freddi venti settentrionali al Centro-Sud, solo in parziale attenuazione sulle regioni centrali a fine giornata. Temperature stazionarie o in leggero ulteriore aumento con valori sopra la norma soprattutto al Nord.