Sign in / Join

Messico, trovati 19 sacchi con resti umani a Jalisco dove sono scomparsi i tre napoletani

Terrore a Jalisco, lo Stato Messicano dove sono scomparsi l'anno scorso tre napoletani. La polizia ha rinvenuto 19 sacchi con all'interno dei resti umani.

L'area è afflitta da alti livelli di violenza legata al traffico di droga, ed è proprio quella di una faida interna a un cartello l'ipotesi sulla quale indagano le autorità.

Ciclone Idai, 150 morti in Zimbabwe e Mozambico

Le borse sono state scoperte a Ixtlahuacan de los Membrillos, a circa 40 chilometri a sud di Guadalajara, hanno detto i procuratori. Gli esperti forensi proveranno a «determinare esattamente il contenuto di ogni borsa»: al momento solo dieci corpi sono stati identificati, tra loro anche quello di una donna.

Le vittime sono state uccise da colpi di arma da fuoco o strangolate, e alcuni corpi erano più decomposti di altri, suggerendo che siano stati lanciati nel canale in momenti diversi. Non è escluso che sul fondo del canale si possano trovare altri corpi, ed è proprio questo il timore dei vigili del fuoco che stanno continuando a dragare il corso d'acqua.

Jalisco è tormentata dalla violenza del cartello della Jalisco New Generation, uno dei più potenti del Messico. Tuttavia, è ancora presto per stabilire se il cartello abbia qualcosa a che fare con il macabro ritrovamento.

I tre Napoletani scomparsi

La polizia Messicana sono ancora sulle tracce di Raffaele Russo, Antonio Russo e Vincenzo Cimmino“

Da qualche mese Falleti sta passando al setaccio gli atti sulla vicenda dei tre italiani: un fascicolo della Procura di Jalisco, lo stato dove gli italiani sono scomparsi, di circa 3.500 pagine. Falleti ha appreso dagli inquirenti messicani che prima della scadenza dei 90 giorni di custodia cautelare agli arresti domiciliari, il procuratore di Jalisco ha chiesto di fissare l'udienza per decidere del rinvio a giudizio di el Quince, proprio in relazione alla sparizione dei nostri connazionali. "Il giudice, invece, - sottolinea demoralizzato - non ha ritenuto sufficienti le prove e ne ha disposto la liberazione".

LEGGI ANCHE