Manette sulle Europee! Tangentopoli affonda Forza Italia e Confindustria Lombarda

Manette in arrivo? Non si placa l'onda delle inchieste sulla nuova tangentopoli lombarda. Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia e presidente dell'azienda Officine Meccaniche Rezzatesi con sede nel Bresciano, è indagato per finanziamento illecito nella maxi indagine della Dda di Milano che otto giorni fa ha portato a 43 misura cautelari. Da quanto si è saputo, a Bonometti, che ieri per ore è stato sentito come persona informata sui fatti e che per gli inquirenti è vicino ad ambienti di Forza Italia, è stato poi contestato un finanziamento illecito da circa 30mila euro ad un politico. Insomma c'è aria di manette a Milano e dintorni.

La Procura di Milano gli contesta una, in particolare, una fattura da 31mila euro emessa nel gennaio 2019 da Omr holding ad una società Premium consulting srl, tra i cui soci figura Lara
Comi, europarlamentare di Forza Italia e candidata alle prossime europee. Bonometti avrebbe finanziato due studi per l'espansione in Europa dei mercati.

Rischia, quindi, di allargarsi a macchia d'olio la nuova tangentopoli milanese.  Una vicenda che coinvolge il vertice regionale di Confindustria potrebbe avere ulteriori risvolti. Tra l'altro il continuo rincorrersi di voci circa nuovi avvisi di garanzia non accenna a diminuire. C'è chi giura che un'inchiesta sulla sanità lombarda sarebbe sul punto di esplodere e potrebbe coinvolgere anche altri politici. Si sussurra di molti nomi d'area leghista.

E' questa l'indagine che più preoccupa il Carroccio, soprattutto, se dovessero arrivare avvisi di garanzia, o peggio, a poche ore dalle elezioni europee.

Leggi anche: SALVINI-MELONI-BERLUSCONI: NUOVO ACCORDO SUL CENTRODESTRA. RUOLI E POLTRONE

Leggi altro su il24.it

Leggi anche su il 24