Sign in / Join

Lettera di 'richiamo' del Presidente Mattarella al 'Governo del cambiamento'

"Si avvii un dialogo costruttivo con l'Unione Europea". Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, che accompagna la firma del disegno di legge di Bilancio, ieri trasmesso alle Camere. Lo rende noto l'ufficio stampa del Quirinale.

"Sulla base di quanto disposto dalla Costituzione agli articoli 81, 97 e 117, delle valutazioni dell'Ufficio parlamentare di bilancio, previsto dalla legge costituzionale n. 1 del 2012, delle osservazioni e della richiesta avanzate dalla Commissione europea, è mio dovere sollecitare il Governo a sviluppare - anche nel corso dell'esame parlamentare - il confronto e un dialogo costruttivo con le istituzioni europee", si legge nella lettera.

"Ho autorizzato, ai sensi dell'articolo 87, quarto comma, della Costituzione, la presentazione alle Camere del disegno di legge di bilancio per il 2019, approvato dal Consiglio dei ministri il 15 ottobre 2018. Nel procedere a tale adempimento desidero rivolgermi al Governo, nel comune intento di tutelare gli interessi fondamentali dell'Italia, con l'obiettivo di una legge di bilancio che difenda il risparmio degli italiani, rafforzi la fiducia delle famiglie, delle imprese e degli operatori economici e ponga l'Italia al riparo dall'instabilità finanziaria", aggiunge il presidente della Repubblica.

In pratica il capo dello Stato ricorda al Governo e Parlamento che occorre difendere il risparmio degli italiani e rispettare l'equilibrio economico e gli accordi con l'Unione europea. Insomma, il pesidente Mattarella tira per le orecchie i due vicepremier e li riporta alla realtà.

LEGGI ANCHE