Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

L'affondo del candidato del M5S Iovino: "Nel Nolano ha sfilato la peggiore politica"

Quest’anno il 4 marzo si avrà la possibilità di cambiare totalmente il nostro Paese. Chi non crede nel cambiamento lo fa per mancanza di coraggio e ciò ha portato a 30 anni di mala gestione del governo. Berlusconi, incandidabile per essersi reso autore di diversi reati in materia fiscale, è stato l’artefice dello scandalo dell’immigrazione, insieme all’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Come cittadino sanpaolese sono indignato perchè nei giorni scorsi ho visto sfilare nella mia terra Armando Cesaro, figlio di Luigi Cesaro che, insieme a Flora Beneduce, è stato indagato per scambio politico elettorale mafioso alle scorse elezioni regionali. Ciò è oltraggioso nei confronti di tutti gli abitanti del paese. La situazione è disastrosa. Tra i candidati del Partito Democratico ci sono 29 indagati (ancor più dei 24 indagati del Centrodestra!). Esaltare a livello locale il governatore De Luca è motivo di vergogna; portare voti a queste figure vuol dire continuare a danneggiare le istituzioni e minare la credibilità delle stesse. Stiamo parlando di persone che non hanno mai mantenuto fede a ciò che hanno detto, votarli non permetterà di cambiare la nostra Nazione.
Il Reddito di Cittadinanza, incluso nel programma del Movimento 5 Stelle, garantirà a tutti un livello di esistenza dignitoso e rilancerà la nostra economia. Non è una promessa, ma un punto di un programma serio. “Il cambiamento si fa nelle cabine elettorali.” Soni sicuro che questo cambiamento è vicino. Ce la faremo e daremo una svolta anche a San Paolo bel sito, insieme a tutta l’area Nolana e Vesuviana. Il 18 Febbraio ho aperto la presentazione dei candidati nel mio paese, San Paolo Bel Sito. Nonostante la pioggia, la piazza era gremita di persone. Abbiamo parlato degli obiettivi primari che ci siamo posti: ridare dignità al popolo campano e sanpaolese. Il tutto mentre altri partiti parlavano di tangenti con un ex boss della camorra.