L'accusa all'Italia della commissione Ue: "Danni all'economia fatti prima della correzione della Manovra"

La Commissione europea è intervenuta per correggere la Manovra di Bilancio inizialmente impostata dal gverno italiano "i danni erano già stati fatti".

Ne è convinto il vice presidente dell'esecutivo Ue Valdis Dombrovkis: "Abbiamo rivisto al ribasso le stime di crescita e bisogna dire che anche in precedenza avevamo detto che la traiettoria di bilancio scelta non aiutava fiducia, stabilità finanziaria", ha detto.

"Ha portato all'aumento dei tassi, al calo di indicatori sulla fiducia e a crescita rallentata. Il Governo ha corretto questa traiettoria in modo considerevole, ma i danni erano già stati fatti".

Dombrovskis è intervenuto anche sul dossier Bankitalia e di Consob.

"E' importante preservare l'indipendenza della banca centrale e delle istituzioni dei mercati finanziari. L'indipendenza di queste istituzioni è parte importante dei pesi e contrappesi istituzionali negli stati membri e anche uno dei principi su cui si basa il sistema delle banche centrali nella zona euro. Da questo punto di vista è importante salvaguardare l'indipendenza di queste istituzioni", ha concluso.

di P.P.M.