Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

La Iena Nadia Toffa racconta la sua malattia. "Non mi vergogno"

"Ho avuto un cancro, mi sono curata. Sono stata operata. I medici mi hanno tolto il 100 per cento del tumore. Ho fatto una chemio e una radio preventive per evitare che rimanesse in giro qualche cellula. Non lo sapeva nessuno e ora ve ne posso parlare".

Nadia Toffa è tornata alle "Le Iene" dopo il calvario e ha deciso di raccontare i suoi ultimi due mesi dopo il malore, spiegando così la natura della sua malattia.

"In questi mesi mi sono curata: prima ho fatto l'intervento, poi la chemioterapia e la radioterapia. L'intervento ha tolto interamente il tumore, ma poteva esserci una piccola cellula rimasta e quindi ho seguito i consigli del medico e ho seguito le cure previste. Ora è tutto finito: il 6 febbraio ho finito la radio e la chemio".

Le Iene Nicola Savino e Matteo Viviani, al fianco di Nadia Toffa al momento della confessione, l'hanno accompagnata con parole di vicinanza.

"Non lo sapeva nessuno - ha continuato il suo racconto la conduttrice -. Ho pensato tanto a questo momento... Fra di noi c'è sempre stata sincerità e quindi voglio condividere con voi quanto successo".

"Ora sto benissimo. E rispetto a quello che mi è successo penso non ci sia assolutamente niente di cui vergognarsi, anzi. Ho solo perso qualche chilo, non mi vergogno neanche del fatto che sto indossando una parrucca, questi non sono i miei capelli. Non vi nascondo che ci sono stati momenti difficili.

Lo scorso dicembre la conduttrice della trasmissione televisiva Le Iene è stata ricoverata in gravi condizioni all'ospedale di Cattinara di Trieste, dopo aver avuto un malore.

La 39enne Toffa, si trovava in un albergo del centro quando si è sentita male ed avrebbe perso conoscenza. Giunti i soccorsi, è stata portata in ambulanza ed è ricoverata nel Reparto di rianimazione.

E nel corso di quelle ore drammatiche non sono mancati post e commenti pieni di rancore verso la conduttrice de Le Iene con qualcuno che le ha augurato di crepare.