Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Ipotesi strangolamento per la pittrice Renata Rapposelli

Renata Rapposelli non é stata vittima di un colpo d’arma da fuoco o qualsiasi oggetto contundente. Si procede per esclusione nella complessa indagine che vede coinvolte varie componenti investigative: quelle tradizionali con i carabinieri ed i magistrati inquirenti della Procura di Ancona che alla luce di testimonianze raccolte hanno già delineato i contorni di una vicenda che ora attende, da parte di medici legali e specialisti del Ris, anche riscontri di natura scientifica. Come riporta Rete8.it, in attesa dei risultati degli esami tossicologici per verificare l’ipotesi avvelenamento, nelle prossime ore si tornerà ad esaminare il corpo di Renata, principalmente per isolare eventuali tracce di Dna sconosciuto, ma anche per raccogliere ulteriori elementi che possano chiarire le cause della morte. Nella giornata di oggi continueranno le ricerche di tracce riconducibili alla vittima, gli inquirenti sono convinti che la donna sia stata uccisa a Giulianova e poi abbandonata nelle campagne di Tolentino.