Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Insegnanti con la valigia, verso Napoli quelli di ruolo

Le migrazioni e il pendolarismo del personale docente nelle scuole italiane rappresentano un fenomeno sociale importante e radicato nel tempo, che per la prima volta viene affrontato a livello scientifico nella ricerca 'In cattedra con la valigia. Gli insegnanti tra stabilizzazione e mobilita'. Rapporto 2017 sulle migrazioni interne in Italia'.

Il volume, curato da Michele Colucci e Stefano Gallo dell'Istituto di studi sulle societa' del Mediterraneo del Consiglio nazionale delle ricerche (Issm-Cnr) ed edito da Donzelli.

Da dove vengono e dove si dirigono gli insegnanti migranti? Quali sono le cause di questa mobilità, come viene vissuta, in che modo le modifiche legislative l'hanno cambiata? I ricercatori rispondono a queste domande con un approccio interdisciplinare che cerca di superare l'ottica emergenziale.

"L'importanza del comparto scuola nella composizione del mercato del lavoro è sempre piu' significativa: nell'anno scolastico 2016-17 gli insegnanti sono 855.829, l'11,8% in piu' rispetto a cinque anni prima. Per quelli non di ruolo le zone di maggiore emigrazione sono Basilicata, Sicilia e Campania, mentre le regioni piu' attrattive sono Toscana, Piemonte e Lazio: il flusso piu' consistente va dalla provincia di Napoli a quella di Roma, e dalla Sicilia verso le zone di Milano e Torino", spiega Colucci.

"Al contrario, tra i docenti di ruolo prevale la tendenza a chiedere il trasferimento dal Centro-nord al Sud: in questo caso il flusso piu' consistente e' quello Roma-Napoli, in direzione opposta a quella dei precari". La mobilita' e' comunque consistente sia tra i docenti con contratto a termine sia tra quelli di ruolo.

"Il 10,5% degli iscritti nelle graduatorie ad esaurimento nel 2014 ha scelto una regione diversa rispetto al 2011: circa 20.000 docenti si sono spostati dal Sud al Centro-nord. Tra gli insegnanti di ruolo, invece, nel 2015 il 5,9% si e' trasferito in una regione diversa da quella in cui insegnava nel 2012: circa 8.000 di loro si sono cioe' spostati dal Centro-nord al Sud, tornando evidentemente nei luoghi di origine dopo una esperienza al nord", specifica Gallo. Si tratta in genere di spostamenti di lunga distanza e coloro che si spostano tra le diverse aree del paese sono piu' di quelli che si spostano all'interno delle stesse aree.

La distanza media percorsa ad esempio dai docenti precari di Palermo e Catania interessati a insegnare fuori regione e' rispettivamente di 788 e 854 Km, con Milano e Torino come destinazioni preferite. La distanza media dei docenti precari della provincia di Napoli che si iscrivono alle graduatorie fuori regione e' 523 Km, con Roma, Firenze e Milano come destinazioni preferite. La prevalenza di genere degli insegnanti migranti rispecchia quella generale del corpo docente: a muoversi sono soprattutto le donne. L'87% delle iscrizioni in graduatoria in altra provincia nel 2014 e' attribuibile alle docenti precarie.

"La scuola e' un gigantesco mercato del lavoro gestito dallo Stato, ma dobbiamo ripensare l'immagine dell'insegnante obbediente e docile: proprio il tema della mobilita' rivela la rilevanza delle lotte e delle resistenze opposte alle scelte operate 'dall'alto', molto evidente nella storia, soprattutto nel periodo fascista", sottolinea Gallo.

Il volume contiene una serie di approfondimenti sui territori dove l'impatto degli insegnanti migranti e' piu' forte, quali le provincie di Bergamo, Bologna, Reggio Emilia, Asti e Alessandria, "e sul pendolarismo quotidiano con partenza notturna degli insegnanti che si muovono dalle province di Napoli e Caserta per andare a Roma, dove si recano per una supplenza anche solo giornaliera", conclude Gallo.