Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

IL PD BATTE UN COLPO. FORSE E' VIVO

Sorpresa, emozione e sgomento. Il Partito democratico riesce a riempire una piazza. Da anni non accadeva. Gli stessi leader o presunti tali con aria sorpresa e sguardo lesso hanno constatato la grande partecipazione. Non è tempo di esultare.

Diciamo che in strada sono scesi militati, quadri, dirigenti e i giovani dei vari organismi di partito.

Comunque alle 16 Piazza del Popolo era colma. Almeno settantamila persone hanno affollato la piazza e ascoltato parlamentari, amministratori e semplici militanti.

Una contronarrazione e la grande preoccupazione che per ragioni elettorali - si avvicinano le consultazioni europee 2019 - il Movimento 5 Stelle e la Lega vara una manovra economica che può mandare nel baratro il Paese.

Il coro è unanime: “Vogliamo unità”. Il Pd prova a ripartire. Lo fa con la manifestazione contro il governo, dove oltre alle bandiere di partito sventolano quella dell'Italia e anche i vessilli dell'Unione europea.

“Serve un nuovo Pd per una nuova sinistra", ha spiegato il segretario Maurizio Martina, che in un discorso appassionato. “A qualcuno piacciono i balconi, a noi piace la piazza aperta e di tutti”, ha continuato Martina. "Ma ditemi se un paese come l'Italia può essere governato dal balcone di Palazzo Chigi con la claque dei 5 stelle sotto. Una scena tristissima da Repubblica delle banane”.

La certezza granitica che emerge è basta con le correnti, le lotte interne, le guerre tra leader. "Non pronuncerò una parola sull'unità - ha aggiunto il leader tra gli applausi -, perché quando sei dirigente ci sono cose che non devi dire agli altri ma devi praticarle. A noi serve una svolta, perché contro questa destra non basta quello che siamo stati finora".

Da registrare l'abbraccio tra Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, dopo la freddezza degli ultimi mesi e l'abbraccio tra il segretario Martina e Renzi e tra Martina e Gentiloni. Non sfugge come la manifestazione si sia aperta con l'inno di Mameli e l'ultima Bella Ciao.

Sul palco esponenti della società civile, operai, disoccupati, sindaci che protestano contro il taglio dei fondi destinati alle periferie. In apertura, il presidente del municipio val Polcevera di Genova, Federico Romeo.

E' chiaro che come dice Nicola Zingaretti occorre aprire a chi non è del Pd, rinnovare, mandare a casa le solite facce e aprire alle energie nuove. Insomma, un'impresa titanica.