Il deputato Guido Crosetto rassegna le dimissioni: “Voglio riprendere la mia vita. Il Parlamento mi ha reso una persona migliore"

"Quest'Aula mi ha reso una persona migliore" dice Guido Crosetto nel suo ultimo discorso alla Camera.

Dieci minuti intensi, salutati da una standing ovation: compagni di partito e avversari, tutti in piedi ad applaudirlo, commossi.

Il gigante buono di Fratelli d'Italia, alla fine ce l'ha fatta a lasciare gli scranni del Parlamento.

Alle sei di sera, rientrato a casa da comune cittadino, fatica a trattenere l'assalto del figlio di 4 anni.

"Stasera sono tornato prima del solito, oggi per me è una giornata forte, il Parlamento è un pezzo della mia vita. Ho fatto una scelta, ho fatto prevalere la testa e sacrificato il cuore. Però il cuore fa male" sospira.

"Devo riprendermi la mia vita. Dal 2001 al 2013 ho fatto tre legislature, poi per cinque anni sono rimasto fuori: in quel periodo mi sono accorto di aver trascurato molte cose, di aver perso terreno rispetto a quello che facevo prima. Mi sono ricostruito l'esistenza, ho ricominciato daccapo e non mi sarei più ributtato nel vortice della politica, se Giorgia Meloni non avesse insistito".

di P.P.M.