I Casamonica attaccano Tina Rispoli: "Tony ha fatto i soldi grazie a noi. Perchè ci disprezzi?"

La famiglia-clan dei Casamonica attacca a muso duro la 'Principessa di Secondigliano'.

La polemica è diretta e frontale e punta dritta contro Tina Rispoli, la vedova di Gaetano Marino, l'ex reggente dell'omonimo clan, ucciso in un efferato agguato di camorra, il 23 agosto del 2012 a Terracina.

Tina spazientita per il bombardamento di critiche personali piovutele addosso per le nozze con il neomelodico Tony Colombo, si è scagliata contro alcuni familiari dei Casamonica che avevano manifestato giudizi pesanti.

La famiglia-clan di origine sinti trapiantata dall'Abruzzo ai Castelli Romani e al litorale laziale non resta alla finestra e con un commento di poche righe sulla pagina social di Tony e Tina fa arrivare il proprio pensiero.

A scrivere è una donna della famiglia che ricorda alla signora Tina Rispoli in Colombo di come i Casamonica abbiano contribuito al successo del cantante e ai suoi guadagni. E poi la stoccata rispetto all'offesa 'dicono che sei una trans' che ha innescato la reazione della vedova .

"Sappi Tina Rispoli che Tony Colombo veniva a cantare alle nostre feste e ora se ha i soldi è grazie ai Casamonica. E tu ci disprezzi? Ti sei vista chi sei? Tutti dicono che Tony Colombo ha sposato una trans prenditela con chi ti chiama trans e non dove tuo marito ha mangiato fino adesso...vergognati!".

Non tutti per la verità hanno apprezzato lo sfarzo, la tracotanza, il piedistallo voluto da Tina Rispoli nel quartiere della Periferia Nord di Napoli. Troppo clamore, ridicolaggine e lesa maestà.

Se esiste ed esiste una 'Principessa di Secodigliano' ha un solo nome e cognome e si chiama Maria Licciardi detta la Piccolina, boss in gonnella, sanguinaria e alla guida di 'Alleanza di Secondigliano'.

Il fatto che negli anni a Scampia tra faide e alleanze ha dominato il 'sistema' dei narcos legati a Paolo Di Lauro, poi agli scissionisti di Lello Amato, Cesare Pagano e dei fratelli Marino e ancora degli Abete-Abbinante-Notturno-Aprea e del gruppo della 'Vanella Grassi', non significa che qualcosa sia cambiato dalle parti della Masseria Cardone.

E' li che storicamente si trova il fortino dell'Alleanza di Secondigliano', una aggregazione di potenti clan che molti erroneamente hanno dato per sconfitti e consegnati agli archivi investigativi.

Il clan Licciardi, in particolare nacque negli anni '80, quando Gennaro Licciardi si affrancò dal clan Giuliano e fu tra i fondatori, coi Mallardo e i Contini, del cartello camorristico che si oppose alla Nuova Camorra Organizzata di Raffaele Cutolo.

Se è vero che molti dei quei boss sono in carcere a scontare pene detentive restano sul territorio i gruppi criminali che a loro continuano a fare riferimento, ispirarsi e relazionarsi.

Una camorra più mimetizzata, dietro le quinte che gestisce e controlla con una spiccata modalità mafiosa.

Tra i vecchi boss, resta Maria Licciardi, oggi 68enne, non più detenuta e ideologicamente sempre punto di riferimento criminale.

A lei è riconosciuto lo spessore del capo indiscusso, a lei è rivolto il rispetto dovuto per  una storia cominciata quando prese le redini dell'Alleanza di Secodigliano dal fratello Gennaro detta 'a scigna -.

Due mesi fa, il suo nome è balzato nuovamente alle cronache giudiziarie, per l'arresto del figlio latitante Giuseppe Musella, 47 anni, detto Peppe ‘o niro, ricercato da 5 mesi, per associazione per delinquere, rapina e sequestro di persona.

L'ostenatazione in carrozza con i quattro cavalli bianchi di Tina Rispoli preceduta da giocolieri, banda musicale, trampolieri per le strade di Secondigliano non è piaciuta molto, anzi per niente.

E poi quell'autodenifinirsi platealmente la 'Principessa di Secondigliano' è stata una vera e propria mancanza di rispetto specialmente per la vera 'Principessa' della Masseria Cardone.

di Arnaldo Capezzuto

 

Leggi La 'Principessa di Secondigliano' non conosce la camorra

Leggi Tony Colombo un'industria finanziaria

Leggi Nozze trash. Sui muri di Secondigliano...

Leggi Castello del Maschio Angioino blindato...