Guerra renziana dopo la sesta sconfitta. Zingaretti? Come Toto Cutugno

Nel Pd comincia la guerra renziana dopo la sesta sconfitta. Friuli, Trento, Molise, Abruzzo, Sardegna e #Basilicata. Alla sesta volta credo che persino il grande Toto Cutugno abbia smesso di esultare per il 2 posto. Noi abbiamo intenzione di andare avanti parecchio?". Lo scrive su twitter Anna Ascani, vice presidente dell'Assemblea del Pd, renziana.  Rincara la dose, un altro renziano, "Da quando @matteorenzi si e' dimesso abbiamo perso Friuli, Molise, Abruzzo, Sardegna, Basilicata, Trento e Bolzano. Ma il problema era il carattere di Renzi, ovvio. E finalmente oggi, senza di lui, tutti felici per il secondo posto in Basilicata: felici e perdenti", scrive su Twitter il deputato renziano del Pd Luciano Nobili. Ma il neosegretario, Nicola Zingaretti, esulta dopo la sesta sconfitta: "La Basilicata conferma che l'alternativa alla destra e a Salvini siamo noi. Il Pd e il nuovo centrosinistra devono diventare piu' forte. Puo sembrare strano ma purtroppo anche questo non era scontato, visto che dal voto politico il tema era la marginalita' del centrosinistra".