Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

I grillini dalla bandana verde con Rousseau votano il 'contratto' pezzotto. A urne chiuse il M5S sarà forza di estrema destra

di Arnaldo Capezzuto

Pacco, doppiopacco e contropaccotto. Il popolo bue grillino, smanettatore e con il tic digitale quindi dalle ore 10 alle 20 sta esprimendo il proprio voto sul cosiddetto 'Contratto per il Governo del Cambiamento'.

In sintesi, i cittadini-attivisti di colore giallo, stanno collocando all'estrema destra  il 'Movimento né carne, né pesce', grazie al voto online di un programma-contratto a trazione leghista.

A fine consultazione con tono solenne, occhi puntati nelle telecamere, sospiro e sguardo mistico si dirà: “Gli italiani hanno deciso l'inizio della Terza Repubblica”.

Chi spera di una clamorosa sorpresa a urne digitali chiuse, si mettesse l'anima in pace, non accadrà. Gli iscritti all'associazione  MoVimento 5 Stelle attraverso il sistema operativo e la piattaforma Rousseau sono praticamente blindati.

Le autostrade informatiche diventano il talismano ipnotico, l'oppio per stordire il popolo pentastellato e farlo illusoriamente sentire libero di esprimersi.

Nella grammatica grillina questo processo è definito: decisione condivisa e partecipata. Peccato che il Garante della privacy, Antonello Soru, ha messo nero su bianco attraverso atti concreti l'esistenza di gravi criticità, dubbi e perplessità sulla tenuta della stessa piattaforma informatica, gestita dall'associazione privata Rousseau.

I tecnici della Casaleggio sanno bene che l'infrastruttura digitale, imbarca acqua e hanno promesso che entro il 30 giugno concluderanno degli interventi per disinnescare le prescrizioni dettate dall'Authority.

Votazioni, insomma, con il pezzotto ma non fa nulla. L'importante è dare la sensazione di una democrazia circolare e dal basso.

I grillini devono sentirsi una comunità, identificarsi con parte di una storia da scrivere. Inutile soffermarsi tanto,  la sostanza non serve. Ciò che deve funzionare è la narrazione, la costruzione della realtà che non per forza deve coincidere con la realtà vera.

Se la piattaforma Rousseau non garantisce o meglio ha dentro bachi, blocco del programma, schermate incomprensibili, e percorsi guidati per accompagnare a un risultato scontato, non fa niente.

Certo l' Authority  ha posto all'attenzione della società privata Casaleggio problemi concreti come : il pericolo per i dati sensibili, la gestione delle password, il rispetto della normtiva sulla privacy e la vulnerabilità della piattaforma se attaccata da virus o hacker.

Voto a rischio per un esito scontato che coincide con i desideri ed i voleri del capo, Luigi Di Maio e quindi di Davide Casaleggio. L'importante è crederci sempre contro tutti e tutto. Si, sa i poteri forti, le lobby, la vecchia politica vorrebbe far saltare il meccanismo.

I grillini adesso con la bandana verde, cominceranno a indossare qualche fascia nera. La politica è liquida – sono i tempi – in questo caso è solo vapore o meglio nebbia quella padana.