Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Governo, pressing su Conte per il passo indietro. Di Maio vede Chigi: Salvini in trappola

 

(pn)

Ufficialmente, Luigi di Maio blinda la candidatura di Giuseppe Conte per Palazzo Chigi. Dopo la giornata di passione, segnata polemiche e veleni per la storia del curriculum del docente universitario, il capo politico ribadisce la posizione del M5S: Conte e' e resta assolutamente il candidato premier del M5s e della Lega”. Un bluff in piena regola: da ieri sera i fedelissimi di Di Maio stanno spingendo su Conte affinchè faccia un passo indietro, sbloccando la trattativa per la formazione del governo. L’attesa del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è un segnale per Conte: dal Colle non arriva la chiamata. Dopo lo scandalo del curriculum, la situazione si è complicata ancor di più. Per Conte ma non per Di Maio che fiuta l’occasione per spiazzare Matteo Salvini e provare la scalata a Palazzo Chigi. Bruciato Conte, al Quirinale si ragione su due opzioni: incarico politico a Di Maio o governo del Presidente. Il primo scenario terrorizza Salvini perché poi dovrebbe spiegare il motivo dello strappo. Una poltrona? Il leader della Lega è nervosissimo e lancia segnali di guerra al Colle. Salvini cerca il pretesto per rompere. Ma rischia di ritrovarsi con cerino in mano. Mattarella nel pomeriggio potrebbe chiamare Di Maio al Colle e affidargli l’incarico. A quel punto Salvini ha due strade: accettare l’umiliazione.

Pronti i primi 100 giorni dei 'neofasci Pentaleghisti' contro immigrati e rom

Potrebbe interessarti


Leggi anche