Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Governo, Mattarella è una furia contro Di Maio e Salvini. La mossa a sorpresa del Colle

 

Sergio Mattarella è una furia. La minaccia consegnata ai due leader, Matteo Salvini e Luigi di Maio, che già in questa fase stanno dimostrando scarsa affidabilità, è di avviare un nuovo giro di consultazioni per dar vita al governo del Presidente. Il retroscena è rimbalzato ieri all’ora di pranzo: il capo dello Stato stufo della sceneggiata dal contratto ha allertato le forze politiche annunciando da stamani l’inizio di un veloce giro di consultazioni per dare all’Italia un governo. La mossa di Mattarella ha spiazzato Di Maio e Salvini che immediatamente si sono precipitati al telefono annunciando di aver trovato l’intesa sul premier e di essere pronti a indicare già da oggi il nome al Colle. In realtà, l’intesa no n c’è ma l’annuncio della coppia Salvini-Di Maio è servita solo a placare l’ira del Colle e prendere tempo fino al pomeriggio di oggi. Le trattative sono andate avanti tutta la notte: non c’è convergenza sul nome da spedire a Palazzo Chigi. Ieri circolava l’ipotesi di un ticket Fraccaro-Giorgetti ma restano in campo i nomi di Di Maio, Tremonti e Maroni. Intanto, dal Quirinale arriva l’accelerata: oggi pomeriggio ricomincerà la consultazioni.

GOVERNO FATTO: I NOMI DI TUTTI I MINISTRI

GELO DI MATTARELLA SU SALVINI. NUOVO VERTICE M5S-LEGA A MILANO