Gli attivisti dico 'si' alle 5 capilista volute da Di Maio. Non mancano le polemiche

Si è chiuso, con il voto sulla piattaforma Rousseau, il percorso del Movimento per comporre le liste alle elezioni europee del 26 maggio.

L'appello finale di Luigi Di Maio a un voto disciplinato non è stato raccolto da tutti. Infati, sulle scelte delle 5 esterne il Movimento si è spaccato. Sono stati moltissimi i 'no' alla scelta imposta dal vicepremier nel ruolo di capolista.

Nella circoscrizione Nord-occidentale i sì sono stati 2553, i no 1446. Qui la candidata è Maria Angela Danzì, segretario generale e direttore generale dei comuni di Genova e Novara e della provincia di Varese, che proprio oggi è risultata indagata da parte della procura di Brindisi.

Nella circoscrizione nord-orientale - dove è candidata la giornalista d'inchiesta Sabrina Pignedoli - il margine più ampio di voti favorevoli: i sì sono stati 2063, i no 759. Nella circoscizione centrale - dove la capolista è Daniela Rondinelli, componente del Gabinetto di Presidenza del Comitato economico e sociale europeo - 3086 sì e 1907 no (oltre un terzo).

Al sud 3468 sì e i no sono stati addirittura 2169: nella circoscrizione meridionale la capolista è Chiara Maria Gemma, professore associato in didattica e pedagogia all'università di Bari.

di P.P.M.