Sign in / Join

Fico in pressing su Di Maio: "No a sanzioni contro i dissidenti"

Lungo colloquio tra il presidente della Camera, Roberto Fico, e il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, al termine di una cerimonia al Quirinale. Dopo che il presidente Sergio Mattarella ha lasciato il Salone delle feste, i due esponenti del Movimento 5 stelle si sono allontanati dagli ospiti per un lungo faccia a faccia. Di Maio, che ha scambiato una breve chiacchierata anche con il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, era reduce dal vertice di questa mattina sulla norma sulla prescrizione contenuta nel ddl Anticorruzione. Fico, ai giornalisti che gli chiedevano un commento alle proteste delle opposizioni sul voto in commissione appunto sul ddl Anticorruzione, ha risposto che sulla validita' del voto decide la presidente della commissione Giustizia. "Ero impegnato qui, ho solo letto alcune notizie, Ora vado alla Camera", ha aggiunto. Ma le opposizioni chiedono la convocazione immediata di una Conferenza dei capigruppo. "La convocazione della Capigruppo va sempre bene", ha risposto il presidente della Camera prima di lasciare il Quirinale. Pare che Fico abbia espresso a Di Maio tutta la contrarietà su eventuali provvedimenti contro i 5 senatori dissidenti.