Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Ferie non godute: quali scadono il 30 giugno 2018?

L’estate è vicina: tempo di organizzare le ferie estive 2018. Quanti sono alle prese con la richiesta delle vacanze e magari hanno giorni di ferie non godute arretrate da recuperare? Occhio alla scadenza.

Le ferie maturate nel 2016 vanno godute entro il prossimo 30 giugno, in caso contrario non solo il datore di lavoro sarà passibile di sanzioni amministrative (da 100 a 600 euro), ma dovrà anche provvedere a versare i relativi contributi entro il 20 agosto 2018 . Il suddetto obbligo contributivo è stato esteso anche ai permessi per ex festività e per riduzione di orario non goduti (c.d. ROL).

Il riferimento legislativo alla normativa delle ferie è all’articolo 2109, 2 comma, c.c., che stabilisce quanto segue:

• Il periodo di godimento deve essere preferibilmente continuativo;
• le ferie devono essere retribuite;
• il tempo di godimento è fissato dal datore di lavoro tenendo conto delle esigenze dell’impresa ma anche degli interessi del lavoratore;
• la durata delle ferie è stabilita dalla legge, dagli usi o secondo equità .

Ferie non godute: scadenza

Ritroviamo inoltre riferimenti al diritto alle ferie nel D.Lgs n. 66/2003,attuativo delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE sull’organizzazione dell’orario di lavoro. In particolare, l’art. 10 prevede che tutti i lavoratori hanno diritto ad un periodo di ferie retribuite non inferiore ad un minimo di quattro settimane l’anno. Questo periodo va espressamente goduto per almeno 2 settimane nel corso dell’anno di maturazione e, per le rimanenti due settimane, entro i 18 mesi successivi al termine dell’anno di maturazione. Da qui appunto, come detto in apertura, discende che entro il 30 giugno 2018 dovranno essere godute le ferie maturate nel 2016. Per lo stesso principio, quelle eccedenti le 2 settimane maturate nel 2017, andranno sfruttate entro il 30 giugno 2019 .

Potrebbe interessarti


Leggi anche