Famiglia intossicata dal monossido: morto padre, gravi madre e figlio 22enne

Un'intera famiglia è rimasta intossicata e un uomo è morto a Piacenza d'Adige (Padova) a causa di una probabile fuga di monossido di carbonio, causato dal malfunzionamento della caldaia. Altre due persone, moglie e figlio 22enne, risultano intossicate in modo grave.

La vittima è Lauro Santato, un uomo di 55 anni. Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco. Sul posto i Carabinieri di Este, i sanitari del Suem 118 e i vigili del fuoco. Gli intossicati sono stati portati negli ospedali di Padova e Schiavonia.

L'allarme è scattato alle 12 del 14 marzo, su segnalazione dei familiari: i carabinieri sono arrivati nella casa di via Galvan dove hanno trovato a terra, in cucina, una donna (la madre) con gravi problemi di respirazione.

In un'altra camera c'era un 22enne (figlio della coppia) e in un'altra ancora il padre di famiglia, oramai privo di vita.

Deceduto e altre persone non presentano segni di violenza. La donna e il figlio sono stati ricoverati: la prima mediante eliambulanza all’ospedale di Padova, il secondo con ambulanza all’ospedale di Shiavonia – Monselice.

di P.P.M.