Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

ESCLUSIVO. Il crollo del 'Ponte Morandi' di Genova? Un complotto per fermare il M5S. Chi chiama l'ambulanza?

di Arnaldo Capezzuto

“I 5 Stelle stavano avendo troppi consensi, troppa paura per il cambiamento. Allora perchè non inscenare il crollo del ponte per smentire il documento di Grillo dove diceva che non sarebbe crollato? Ecco spiegata la tragedia...artificiale di mano umana, pidiota. Non incidente ma evento voluto da loro...svegliatevi”.

Si deglutisce a fatica. Il fiato si spezza e i battiti del cuore si fanno irregolari. L'onda grillina del 'gomplotto' prende forza, comincia ad ingrossarsi e invadere i social. Un fiume in piena che straripa e piovono post, tweet e foto taroccate su Instagram.

La controaerea è in piena attività. E come in un crescendo rossiniano - a poche ore dai funerali solenni delle 38 vittime innocenti – e mentre infuria la polemica politica, ecco avanzare la falange complottista grillina.

Del resto tra i pentastellati c'è chi come l'attuale ministro del Sud – Barbara Lezzi e il sottosegretario all'Interno Carlo Sibilia mettono nel mirino: condizionatori d'aria, scie chimiche, fake news dello sbarco dell'uomo sulla Luna, le vaccinazioni obbligatorie considerate alla stregua del Tso e che l'uccisione dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sono state grandi rivoluzioni.

“Spero che qualcuno rifletta e mi dia una riflessione propria: io non voglio fare la maligna...ma ho visto a rallentatore l'unico video del crollo del viadotto di Genova, l'ho visto a a rallentatore e mentre il ponte crollava si vedevano delle esplosioni” - scrive con convinzione tale Rosablu Marina in un post - che scatena consenso tra i grillini.

“Ma non sarà un crollo controllato? Fatto da esplosivi all'americana? Le coincidenze ci stanno. Genova è la città di chi?”. Rosablu Marina – insomma – nella sua analisi argomenta, ipotizza e spiega la sua tesi.

“Beppe Grillo, il M5S odiato da alcuni paesi dell'Europa perchè è un governo scomodissimo per loro, il governo precedente è amato dalla Francia, Spagna e Germania”.

La rete si mobilita, le svariate pagine di supporto all'attività del Movimento 5 Stelle e del Governo del Cambiamento girano a palla. Il dibattito comincia a prendere piede e nel Paese dei servizi segreti deviati, della massoneria, delle lobby economiche, dei poteri atlantici e delle alleanze con scappellamento a destra e sinistra, ecco che il crollo del Ponte Morandi è stato frutto di un 'gomplotto'.

Su questo tema i vertici dei pentastellati ci vanno con i piedi di piombo. Il vice premier e super ministro Luigi Di Maio riflette mentre Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutte, segue il dibattito on line e prende appunti.

Dopo proclamato a favore di telecamere la revoca – senza se e senza ma - delle concessioni a Autostrade, per poi dopo meno di 24 ore revocare la stessa revoca – insomma stile impeachment al presidente della Repubblica Sergio Mattarella – si cerca di capire, comprendere cosa c'è dietro e anche avanti.

A dare una mano è sempre Rosablu Marina che conclude : “Non sarà che hanno fatto un atentato terroristico per discriminare e mettere in cattiva luce il M5S? Infatti, il Tg5 non sta facendo altro”.

Mentre dubbi, perplessità e inquietanti interrogativi pervadono questo scorcio di fine Agosto, l'ambulanza con i sanitari è pronta con i sedativi.