Dossier, Giorgetti, Tav e Autonomia: la Lega non regge più. Salvini prova a far saltare il governo

 

La Lega non regge più. Lo scontro nel Carroccio tra Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti va avanti. Non c’è alcun segnale di tregua. E per la prima volta, i sondaggi segnano un arretramento per il partito del ministro dell’Interno.  Lo strappo su Giovanni Tria, ministro dell’Economia, può essere l’occasione per rompere: i leghisti puntano alla poltrona di Tria. Assegnandola magari proprio al ribelle Giorgetti. Passaggio che permetterebbe di riportare il sereno, almeno momentaneo, nella maggioranza. Ma i fronti caldi sono troppi: Def, banche, Tav e autonomia. E poi quei dossier, costruiti dall’intelligence vicina ai grillini, che fanno tremare i leghisti. Rompere o resistere? Ora si vota, per le europee. Una crescita della Lega potrebbe indicare la rotta: rimpasto o voto. Tutto entro l’autunno. E prima della tempesta finanziaria.