Doppio derby nel centrodestra. I moderati tra Cesa e Fratelli d'Italia

 

Doppia derby nel centrodestra campano in vista del voto per le Europee. Il primo si gioca tra Lega e Forza Italia: chi prenderà un voto in più deciderà il candidato alla carica di governatore nel 2020. C’è poi una seconda partita che si disputa tutta interna a Forza Italia, per decidere gli assetti futuri del Partito e l’eventuale investitura del candidato governatore. Armando Cesaro e Paolo Russo hanno deciso di appoggiare esclusivamente Silvio Berlusconi. Il gruppo Carfagna sostiene l’imprenditore Antonio Ilardi. La partita più importante la stanno giocando i moderati: Carmine Mocerino, Gianpiero Zinzi e Antonio Fasolino. I tre sono al lavoro per organizzare una lista civica in vista del voto nel 2020. Alle Europee cominceranno a pesare la propria forza elettorale: Carmine Mocerino va  sul nome di Lorenzo Cesa, ex dc candidato nella lista di Forza Italia. Mentre Zinzi  e Fasolino strizzano l'occhio alla Meloni. Con il gruppo dei moderati è in costante contatto Clemente Mastella, sindaco di Benevento con l’ambizione di guidare la coalizione di centrodestra. E starebbe per chiudere anche l’intesa con un’altra lista civica a cui dovrebbero lavorare Michele Pisacane e Pasquale Sommese. I centristi hanno fissato l’asticella a 30 mila voti alle europee. Per poi avere voce in capitolo alle regionali.