Sign in / Join

Decreto sicurezza, il presidente De Luca si smarca: "E' fare un piacere alla Lega"

Si smarca ed esce allo scoperto il presidente della Regione Campania, Vinecnzo De Luca.

Sul decreto sicurezza a differenza dei suoi colleghi governatori e i barba all'iniziativa dei sindaci di non applicare parte della legge tanto cara a Mtteo Salvini, lui non partecipa a marce e non farà alcun ricorso alla Consulta.

L'inquilino di Palazzo Santa Lucia lo ritiene un errore strategico, e un grosso regalo politico al capo del Carroccio.

"Non vogliamo fare nessun piacere alla Lega. Più si ideologizza il problema, più si regalano voti alla Lega", spiega l'ex sindaco di Salerno e se i suoi colleghi del Pd ha già nel cassetto il provvedimento sbotta "La sinistra non ha capito niente".

Nei giorni scorsi, una alla volta, le Regioni a guida centrosinistra, hanno avviato l'iter. Umbria, Toscana ed Emilia Romagna hanno già deliberato il ricorso alla Consulta e ieri si è aggiunta anche la Basilicata. Mentre Sardegna, Lazio e Calabria l'hanno per ora solo annunciato.

di Arnaldo Capezzuto

LEGGI ANCHE