De Luca punzecchia un disorientato de Magistris: "Ormai è candidato a tutto, manca solo che si candidi alle Nazioni Unite"

Gioca di fioretto - questa volta - Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania e in eterno scontro con il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

A leggere le ultime interviste, proponimenti e annunci del primo cittadino di Napoli sulla sua futura carriera politica si esce abbastanza disorientati.

Prima ha detto che voleva correre per il governo della Regione Campania poi si è detto in procindo di costruire una forza internazionale per cambiare l'Europa. Poi ha smentito di voler correre per Palazzo Santa Lucia ma ha annunciato di pensare seriamente di scendere in campo per Palazzo Chigi per poi tornare sui suoi passi e dirsi pronto a correre per governare la Campania dopo i dieci anni passati a Palazzo San Giacomo.

Insomma, de Magistris dice tutto e il contrario di tutto sul suo futuro politico. Sarà strategia? Cerca di confondere le carte in tavolo? Depistaggio? Cortina fumogena per confondere i potenziali competitor? La risposta non c'è. La contraddizione non poteva sfuggire a un attento De Luca che gioca come il gatto con il topo e allora ha punzecchiato l'ex pm.

"Ormai è candidato a tutto, manca solo che si candidi alle Nazioni Unite. Noi, comunque, lo aspettiamo a braccia aperte alle regionali del prossimo anno".

Questo il messaggio via Social scritto sulla bacheca di Fb di De Luca. Il  riferimento è chiaro ed evidente, senza citarlo, al sindaco di Napoli Luigi de Magistris che ieri ha ribadito la possibilità di candidarsi alle elezioni regionali del 2020 in Campania.

di Pier Paolo Milanese