Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Clinica degli orrori. L'accusa chiede: "Confermate l'ergastolo del primario"

L'accusa chiede la conferma dell'ergastolo per Pier Paolo Brega Massone e la condanna a 25 anni per il suo aiuto, Fabio Presicci.

E' quanto ha richiesto il sostituto procuratore generale Massimo Gaballo al termine della requisitoria al processo di secondo grado "bis" davanti alla corte d'Assise d'appello di Milano.

La vicenda riguarda un'indagine della Guardia di finanza e della Procura di Milano che portò alla  luce come numerosi pazienti della clinica Santa Rita di Milano fossero stati operati, esclusivamente al fine di ottenere i rimborsi della Regione Lombardia.

Le quattro morti contestate all'ex primario di chirurgia toracica della clinica Santa Rita di Milano, secondo l'accusa, possono essere considerate la conseguenza di "un modus operandi seriale" dell'ex chirurgo.

I decessi erano "altamente probabili", in quanto conseguenza di operazioni ad "alto rischio morte" dei pazienti.

L'appello "bis" è scaturito dalla decisione della Cassazione, nel giugno 2017, di annullare con rinvio ad un nuovo secondo grado la prima sentenza d'appello.